Professione Wedding Planner

Professione Wedding Planner | Consigli per non sbagliare mai!

Essere una Wedding Planner vuol dire avere la capacità di reinventarsi ogni giorno: è una professione in cui c’è molta libertà di ideazione ma dove non puoi mai abbassare il tuo livello di attenzione sulle modalità di lavoro che viene sviluppato da te professionista del settore, e chi ti aiuta.

Cura il rapporto coi tuoi fornitori

Importantissimo è il rapporto con i tuoi fornitori, che devi sempre coccolare e sentire, proprio come faresti con un amico poiché essi sono coloro che ti aiutano a realizzare i tuoi progetti lavorativi e sono parte essenziale della buona riuscita del fatidico giorno dell’evento, che possiamo definire la prova del nove delle tue strategie lavorative.

Se durante il giorno dell’evento andrà storto qualcosa che non dipenderà personalmente da te, la colpa sarà comunque assegnata al tuo lavoro poiché sei tu ad organizzare e gestire anche i fornitori che saranno “invisibili” agli occhi dei tuoi clienti e dei loro invitati.

Wedding Planner

Quindi se riuscirai a mantenere ottimi i tuoi rapporti con chi collabora con te, avrai più chances di avere una mano da loro, nel momento del bisogno e questo significherebbe diminuire le probabilità di sbagliare ed aumentare quelle di recuperare gli imprevisti, fattore sempre presente in qualsiasi tipo di evento, anche pianificato per mesi e con attenzione maniacale.

Frequenta periodicamente corsi di formazione

Altro fattore importante per una Wedding Planner è l’arricchimento continuo del proprio background professionale, frequentando corsi, incontri e seminari che servono ad implementare le proprie risorse e ad essere sempre informate sulle tendenze del momento.
Inoltre, queste attività aumenteranno anche le tue possibilità di relazionare con altri professionisti del settore aumentando la tua rete di contatti e facilitando l’eventualità di conoscere possibili clienti e/o collaboratori.

L’aspetto deludente (comune a ogni tipo di mestiere connesso alla libera professione e alla creatività) è che capita spessissimo di imbattersi in persone che vedono il Wedding Planner come una figura senza competenze particolari ma dotata di un’indole creativa e con voglia di rimboccarsi le maniche e quindi pensano di potersi autoproclamare “Organizzatore di Eventi!”.

Certamente è anche così ma la voglia di fare non basta.

L’indole creativa va direzionata e perfezionata con una sana autocritica ma soprattutto con gli studi necessari a formare le competenze e le abilità del Wedding Planner.
Per sapere quali sono le basi per potersi lanciare in questo duro mondo dell’organizzazione di eventi, non perdere la prossima puntata della rubrica “Diario di una Wedding Planner”.

Nessun commento

COSA NE PENSI ?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *